sabato 30 maggio 2009

Parlano di noi su "Repubblica" e "Corriere Mercantile"



Repubblica/Il Lavoro del 30/5/2009


Corriere Mercantile del 30/5/2009


venerdì 29 maggio 2009

Parlano di noi su "cittadigenova.com" e "rassegna.it"

Il sito cittadigenova.com dedica un articolo allo sciopero di 4 giorni alla Accent. Ecco il link.
Anche rassegna.it riporta dello sciopero a questo link.

giovedì 28 maggio 2009

Sciopero, si replica!

I lavoratori Accent delle sedi di Genova, Pavia e Vimercate, con il coordinamento delle organizzazioni sindacali FIM-CISL e FIOM-CGIL, indicono uno sciopero di 4 giorni a partire da domani fino al 4 giugno compreso.

I lavoratori si riuniranno in assemblea il giorno 5 giugno, per prendere atto dell'esito della trattativa e considerare ulteriori azioni. Tale decisione si è resa necessaria in seguito al comportamento tenuto dall'azienda al tavolo delle trattative.

In particolare, non è accettabile l' indisponibilità dell'azienda a condividere una proposta di mobilità incentivata e volontaria. Al momento l'azienda propone mobilità non incentivata per un numero inferiore ai 19 e CIGS a zero ore per i restanti a complemento dei 19.

Le nostre richieste:

1) L'azienda riconsideri, nelle giornate del 3 e 4 giugno, la posizione sui CDS, che i lavoratori all'unanimità ritengono ancora la soluzione migliore per affrontare la crisi, o in alternativa ipotizzi una mobilità incentivata e volontaria (ipotizziamo un incentivo come nella precedente procedura, 20.000€) e CIGS a rotazione;

2) Chiarezza su quello che è il disegno strategico futuro della società.

RSU unite

Ecco il link al sito della CGIL Liguria.

giovedì 21 maggio 2009

Accent S.p.A Employees “Open Letter” to the Board of Directors

Dear Board Members,

we are writing to you regarding the redundancies announced by the Accent’s management. More than two months has passed since the notification of redundancies in which little or no "significant"
dialogue has been had with Accent’s management on the matter.

It is for this reason that we find ourselves forced to contact you directly on this matter and in doing so we hope to be able to have an open and fruitful dialogue, on the company’s present condition and the restructuring process, as we had in the first redundancies announced two years ago.

It appears clear to the employees that Accent’s business model, not only from the geographical point of view, but also from the design component, has been put in place to obtain a company whose profit is derived principally from the sales of silicon which in itself is not a negative thing were it not to the detriment of the "design and implementation" employees. Apart from a handful of architects it appears that the major part of the designers work will be “contracted” as required and so at this juncture the Accent designer is just another cost and as such is a "necessary evil" and not an "asset".

It appears unfortunately that, even though we as Accent employees do not share this vision, this is completely irrelevant. We do not presume to be able to pressure the Board into changing its plans however, as we have collectively quite a number of years experience in consulting, we believe it our duty to propose an alternative and, we believe, a more fruitful way to administrate the transition.

Accent’s management have on more than one occasion indicated the strategic importance of various projects. Needles to say that, with the present situation in mind, carrying out the various project tasks becomes more and more difficult. The past has shown that these "negative working conditions" have a direct negative impact on productivity and serious consequences such as further redundancies.

As you we all know, in every serious negotiations, neither side can obtain all it desires: we would like to continue to work in a company which does design work, Accent’s management would like to "rapidly" change business model and have employees perform happily at a maximum
until they are no longer required as if this was completely reasonable. It appears obvious that neither of our objectives can be achieved and it is for this reason that we believe it is in the common interest to implement the transition in a softer manner. We believe it is your duty then, in a more "peaceful" atmosphere and with more favourable conditions, to make known "clearly" to the Accent employees who will continue to have an active fulltime role in Accent . We also believe that the design aspect is propedeutical for producing silicon and as such is essential for Accent’s success.

During this uncertain period we have come together as a whole to express our conviction as one (let us point out the single day strike of the 30th April) and with a solid and concrete proposal from ALL of us, which requests the healthy use of the "Solidarity Contracts". This, we believe is not only a flexible but also a very feasible means, in economic terms but also convenient for the company with regards to the redundancies by giving the necessary serenity to designers to proceed productively in their tasks. There are numerous examples of the implementation of the "Solidarity Contracts" and in microelectronic companies larger than Accent.

Even with the evidence of the benefits of these contract, during the negotiations our proposal has been repeatedly refused and even ignored by some of the Accent management team with unfounded and undocumented objections. We retain that this line, taken by the Accent management team, can be overcome with an objective evaluation of the employees proposal (an obvious path when dealing with engineers paid to reason things out). We are thus, and as always, available for a negotiation phase (open also to you as Accent’s Board of Directors) in order to evaluate more thoroughly all aspects .

With the hope that, our proposal to meet and negotiate are considered, we await your response and bid you our best regards.

I «cervelli» di Accent chiedono aiuto al Distretto hi-tech

Articolo pubblicato su "Il Giornale Monza-Brianza"


Articolo pubblicato su "Cronaca di Vimercate"

Parlano di noi su Infonodo

Il coinvolgimento del distretto Hi-Tech della Brianza richiesto dai lavoratori di Vimercate ha avuto giusto risalto su InfoNodo (ecco il link). A Genova si aspetta invece ancora una risposta dal Dixet e dal suo presidente Prof. C. Castellano.

venerdì 15 maggio 2009

mercoledì 13 maggio 2009

Amarcord 2.1

video

E' difficile non cadere nella retorica, però viene spontaneo affermare che oltre ad essere colleghi, e forse prima ancora di essere colleghi, siamo amici.

venerdì 8 maggio 2009

Open letter to Dixet President, Prof. Carlo Castellano

Dear President,

We're writing you on behalf of Genoa Accent spa employees.

You are probably aware of the recent news about the ongoing Accent industrial dispute, as they have been widely covered by the media at these days. Our case aroused notable interest in the media at local, national and international level and it is currently followed by the Regione Liguria work councillor Enrico Vesco.

The company is in serious trouble because of a bad business crisis and it decided to delocalize part of its activities in China (Shanghai) while opening a lay off procedure involving 19 workers out of 73, 7 of them located in the Genoa office, which employs 20 workers.

The company, even after several discussions with the workers representatives (RSU), is not willing to give up the lay-off procedure, though is widely demonstrated that this crisis can be overcome by means of welfare support provisions (short-time working) which would allow to keep the high-tech microelectronics engineers precious asset.

We think that the key to get out of the crisis should be the improvement of competitiveness , result achievable through the welfare support provisions, while the lay-offs would eventually disperse the accumulated know-how which will be necessary for the business restart to come.

So we ask you, as the Dixet Board President, and your next collaborators, knowing your professional interest in the world of microelectronics, to bring action in order to propose a constructive dialogue between the parts as it is now come to a halt after the May 6th meeting in Assolombarda, aiming to find a satisfactory solution to this crisis.

We therefore inform you that a similar letter has been sent by our colleagues from Vimercate to the board of the Brianza High Tech District.

Best regards
RSU Accent Genova

Lettera aperta al Presidente del Dixet, Prof. Carlo Castellano

Egregio Presidente,

Le scriviamo in rappresentanza dei lavoratori della Accent S.p.A. di Genova.

Probabilmente vi saranno note le recenti vicissitudini della vertenza sindacale in corso, apparse sugli organi di informazione in questi giorni. Il nostro caso ha suscitato un notevole interesse nei media a livello locale, nazionale ed internazionale, ed è seguito costantemente dall'Assessore alle politiche attive del lavoro e della occupazione presso la Regione Liguria, Enrico Vesco.

L'azienda si trova in gravi difficoltà a causa di una pessima congiuntura di mercato e perciò ha deciso di delocalizzare parte della attività in Cina (Shanghai) ed aprire una procedura di licenziamento per 19 persone su un totale di 73, di cui 7 nella sede di Genova, nella quale sono occupati un totale di 20 lavoratori.

L'azienda, anche dopo numerose istanze da parte nostra nella veste di rappresentanti della RSU, non intende recedere dal provvedimento annunciato, nonostante si possa ampiamente dimostrare come la congiuntura sia superabile con l'utilizzo di ammortizzatori sociali (contratti di solidarietà) che consentirebbero, tra l'altro, di mantenere il prezioso patrimonio di ingegneri microelettronici high tech.

Noi riteniamo che la chiave per uscire dalla crisi sia quella di migliorare la competitività, risultato che gli ammortizzatori sociali possono aiutare ad ottenere, mentre la mobilità disperderebbe definitivamente il capitale di conoscenze accumulate che sarà viceversa utile per una futura ripresa.

Chiediamo pertanto a lei, nel suo ruolo di Presidente del Consiglio Direttivo di Dixet, e ai suoi piú stretti collaboratori, conoscendo il suo interesse professionale verso il mondo della microelettronica, di attivarsi per riproporre un confronto costruttivo tra le parti attualmente interrotto dopo l'incontro del 6 Maggio presso Assolombarda al fine di agevolare l'individuazione di tutte le possibili soluzioni atte al superamento della crisi.

La informiamo infine che analoga lettera è stata recapitata dai lavoratori della sede di Vimercate ai vertici del Distretto High Tech della Brianza.

Cordiali saluti

RSU Accent Genova

La Ue: “Bisogna lavorare meno per salvare i posti di lavoro"

La riduzione dell’orario settimanale come strumento efficace per le imprese di ogni dimensione. Dal summit di Praga dedicato ai problemi del lavoro arriva il decalogo dell'Unione europea per rispondere alla crisi.

giovedì 7 maggio 2009

EE Times is tracking our crisis situation

Meeting fails to save Accent engineering jobs. Click this link to read the article.

mercoledì 6 maggio 2009

Lettera all'Assessore regionale Enrico Vesco

Gentile Assessore Vesco,

Oggi in Assolombarda si è svolto come previsto l'incontro ufficiale tra Azienda e Rappresentanze Sindacali. Come da sua gentile richiesta ne riassumiamo i contenuti.

La società è rimasta sostanzialmente sulle posizioni con cui le parti si erano congedate nell'ultima riunione nella quale, nonostante le sollecitazioni, non si è nuovamente presentato il nostro Amministratore Delegato Federico Arcelli.

L'unico aspetto su cui l'azienda sembra disposta a trattare è la messa in mobilità di un numero inferiore di lavoratori rispetto ai 19 previsti sulle tre sedi, con un ricorso complementare alla Cassa Integrazione Ordinaria a zero ore per i rimanenti lavoratori presenti nella procedura.

La prossima sede di trattativa sarà quindi il Ministero del Lavoro, in una data ancora da definire, valutabile in 2 settimane circa da oggi. In attesa che il giorno venga deciso ufficialmente, i lavoratori si riuniranno domani per decidere ulteriori azioni di protesta.

Parallelamente, i colleghi di Vimercate stanno prendendo contatti con i vertici del Distretto High-Tech Milano Brianza, di cui è autorevole esponente il nostro azionista Pasquale Pistorio.

Grazie per la sua disponibilità e la sua attenzione alla nostra vicenda.
Cordiali saluti

I Lavoratori di Accent Genova

EE Times today: Top Story

Today in EE Times's front page. Crisis situation solutions: difference between two companies.



  • Accent lays off engineers in Italy, expands in Shanghai (link)
  • Austriamicrosysteme proposes short-time working (link)

Il Secolo XIX pubblica il comunicato FIM-FIOM

Amarcord prima di Assolombarda!

video

martedì 5 maggio 2009

Parlano di Noi su EETimes


Accent lays off engineers in Italy, expands in Shanghai

La stampa parla di noi




Segnaliamo inoltre il link al sito infonodo.org che riporta un articolo de "Il Giorno" sull'adesione compatta dei dipendenti allo sciopero.

Comunicato FIM e FIOM: “ ACCENT ACCETTI IL CONTRATTO DI SOLIDARIETA’ IN VISTA DI ERZELLI. NON SI BUTTINO I CERVELLI NELLA PATTUMIERA”

Tutti i lavoratori di Accent, per la prima volta dal giorno dell’apertura aziendale nel 1993, il 30 aprile scorso hanno fatto sciopero. Otto ore di protesta proclamati congiuntamente da FIM-CISL e FIOM-CGIL – che nel merito sanno essere uniti - con un presidio davanti alle sedi di Genova, Pavia e Vimercate, per dire no al licenziamento di 19 ingegneri elettronici e per rilanciare alcune proposte di buon senso, rigettate nei giorni scorsi dall’azienda, in vista dell’incontro del 6 maggio in Assolombarda.
Lo stato di crisi in cui versa il settore della microelettronica europea è noto, ma la risposta non si può limitare ad una “visione commerciale” di breve termine che non tenga conto di un piano industriale strategico, non si può optare per la mera delocalizzazione in Cina delle attività e per il cambiamento di business verso la semplice compravendita di silicio, schede elettroniche e microchip. Accent può e deve continuare a operare con la professionalità e le conoscenze che la contraddistinguono nel suo mercato di riferimento, perché se è vero che è un’azienda in crisi tra le tante, è altresì vero che tra le tante è un po’ unica.
Un esempio per tutti: Accent progetta e realizza un microchip che inserito all’interno delle gomme dell’automobile, è in grado di segnalare lo stato di rischio al sistema elettronico centrale e prontamente si attiva con il guidatore il sistema frenante dell’automobile. Senza questo prodotto di alta qualità, che rende più sicura la guida e più competitive le società italiane del settore, è chiaro che non si “schianterà” solo Accent.
Il sindacato, dopo un’attenta disamina, ha chiesto all’azienda di utilizzare i mezzi disponibili per far fronte alla crisi. Non solo quegli ammortizzatori che possono aiutare Accent a superare questo momento difficile, come ad esempio il contratto di solidarietà che offre flessibilità e sgravi fiscali all’azienda e un migliore recupero retributivo e contributivo per i lavoratori che si riducono lo stipendio, ma anche la richiesta di finanziamenti pubblici straordinari per la crisi, quelli specifici dedicati a formazione e riqualificazione del personale, quelli europei destinati ad aziende con sedi in zone disagiate.
Nell’incontro di oggi – ieri per chi legge - con l’Assessore al lavoro Vesco, in Regione Liguria, è stato assicurato l’interessamento per un’azienda di nicchia che ha nella ricerca e sviluppo, nella progettazione di qualità, e nelle singolari capacità dei singoli lavoratori gli ingredienti essenziali per inserirsi a pieno titolo nel distretto dell’elettronica e nel parco tecnologico degli Erzelli. D’altronde come potranno Finmeccanica, ST Microelectronics, Ericsson o Fincantieri essere flessibili e competitive se sparirà l’indotto di riferimento al momento della ripresa?
Se Accent ha un piano industriale lo presenti, se nel 2008 ha saputo chiudere il bilancio con un fatturato record le potenzialità ci sono, se oggi la comunità locale la sostiene siamo convinti che ce la può fare. Ma non si può svendere questo patrimonio, perché pensare di buttare “i cervelli nella pattumiera”, oltre all’evidente dramma sociale, renderà certamente più lunga e faticosa l’uscita dalla crisi e il percorso di ripresa del mercato.

GENOVA, 4 maggio 2009

Lorenzo Rizzo Bruno Manganaro
Segreteria FIM- CISL Genova Segretario FIOM – CGIL Genova

Comunicato Stampa dell'Assessore alle Politiche Attive del Lavoro e della Occupazione della Regione Liguria.

L’assessore regionale Enrico Vesco ha incontrato oggi i sindacati e una rappresentanza dei lavoratori della ACCENT, azienda di Vimercate che si occupa di progettazione microchip e circuiti integrati e in Italia impiega 75 dipendenti di cui 19 a Genova.
“Recentemente la proprietà ha annunciato 19 esuberi, 7 dei quali nella sede di Genova. A oggi la totale chiusura da parte della proprietà, un fondo d’investimento anglo-francese, e l’indisponibilità a trattare fanno temere la volontà di una delocalizzazione del segmento produttivo” spiega Vesco.
“Naturalmente ho manifestato ai lavoratori il pieno appoggio della Regione e scriverò ai vertici aziendali per manifestare la disponibilità a convocare un tavolo istituzionale per trovare margini di trattativa tra le esigenze aziendali e quelle dei lavoratori”
“L’obiettivo è quello di bloccare le mobilità e trovare soluzioni alternative, nuove sinergie o, ad esempio, misure come il contratto di solidarietà proposto dal sindacato, che consentirebbe di spalmare una perdita retributiva su tutti i lavoratori invece che soltanto sui 19 colpiti dalla moblità”.
“Credo che in un momento di crisi quale quello attuale sia determinante riuscire a non disperdere professionalità altamente qualificate e aziende di eccellenza fronteggiando le difficoltà del momento con la prospettiva di farsi trovare pronti a ripartire in previsione di una prossima ripresa economica”.

Ecco il link al sito della Regione Liguria.
La notizia è stata ripresa anche dai media: Quotidiano del Nord, TeleNord

lunedì 4 maggio 2009

Incontro alla Regione Liguria con l'Assessore Vesco


Oggi una delegazione della Accent è stata ricevuta alla Regione Liguria dall'assessore regionale al lavoro Vesco. Durante l'incontro si è discusso sulle possibilità di aiuti ed incentivi per favorire la ripresa aziendale.

sabato 2 maggio 2009

Si avvicina una settimana importante

Il primo sciopero della storia della Accent è stato archiviato con soddisfazione. Uno sciopero che è stato soprattutto importante per il risalto, non indifferente per un'azienda delle nostre dimensioni, dato dai media locali.

L'immagine (ci scusiamo per la qualità) si riferisce al Corriere Mercantile di ieri.



La mobilitazione ha avuto certamente nel risultato mediatico il suo aspetto più significativo, insieme con il fatto che la quasi totalità dei dipendenti abbia aderito. L'azienda ha infatti sicuramente accolto con qualche malumore, neanche troppo celato, la pubblicità negativa per la Accent e i suoi esponenti di maggior spicco che è derivata da queste azioni, più che l'azione di sciopero in se. L'impatto dello sciopero sullo svolgimento dei progetti in corso è stato infatti, per decisione dei lavoratori, trascurabile.

La prossima settimana sarà molto importante, sia per l'incontro con l'Assessore regionale Vesco, previsto per lunedì 4 Maggio, sia per il prossima puntata della vertenza nella sede ufficiale di Assolombarda. Puntata nella quale tutti i lavoratori di Accent si aspettano di vedere lo schieramento, da parte dell'azienda, di qualche attore protagonista ....